Tu sei qui

Vivere con responsabilità

NATALE    2017

ALL’ ISTITUTO  COMPRENSIVO 2

Sicuramente, arrivati alla scuola media, i nostri alunni si sentono già grandi per poter scrivere una lettera a Gesù Bambino o forse hanno già tutto e non hanno bisogno di chiedere nulla o danno tutto per scontato, anche la felicità, una vita senza sofferenze…

Eppure tra i banchi di scuola si assiste ancora a scene di violenze verbali, rabbia, aggressioni, un digrignare i denti per vendicarsi di una sconfitta o di un’offesa subita…Non c’è più la gioia dello stare insieme felicemente o meglio ancora del perdonarsi per un dispetto subito…

Noi docenti facciamo del nostro meglio per insegnare i veri valori, proponendo momenti di riflessioni in una vita  in cui il  tempo scorre senza che ce ne accorgiamo, per educarli ad una “convivenza civile” si dice oggi.

Abbiamo iniziato a farlo con il saggio di fine anno “Incontro al Natale “ dove tra un canto natalizio e  l’altro alcuni alunni hanno letto pensieri e messaggi di sapienza e di speranza: E’ Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare l’altro….scriveva S. Madre Teresa di Calcutta .

Lo abbiamo fatto attraverso scene drammatizzate sulla Natività proposta dagli alunni delle prime classi A e C in occasione del progetto accoglienza, rivolti agli alunni delle quinte della scuola primaria, con  canti e poesie anche in lingua francese.

L’ho fatto invitando i miei alunni a scrivere una lettera a Gesù Bambino………………

Io voglio sperare che ancora ci siano adulti che credono nel Natale, indipendentemente dalla professione di Fede, ma semplicemente perché vogliamo trasmettere ai nostri figli l’Amore , le tradizioni, i valori dello stare insieme e in ascolto dell’altro, restano ancora importanti da essere trasmessi o semplicemente perché si è sperimentato che la violenza non risolve nessun problema.

Ogni adulto dovrebbe   contribuire a rendere forti questi fragili giovani che, circondati dal non senso della   vita,  diventano   pesci da abboccare….

Buon Natale e  buon 2018 a tutti!!!

Prof. Di Cataldo Anna

 

Tags: