Tu sei qui

UN GRANDE SPETTACOLO….

L’ Amour Médecin è un’opera del poeta Jean- Baptiste Poquelin, il cui nome da artista è Molière.

Il giorno 6 aprile 2018 tutte le classi seconde del nostro Istituto si sono recate presso il Teatro ShowVille di Bari per assistere a questo spettacolo in lingua francese.

La storia narra di una ragazza, Lucinde, che si innamora a prima vista di un giovane, Clitandre.

Il giovane si reca alla corte di Sganarelle, padre di Lucinde, per chiedere la mano di sua figlia.

Il padre rifiuta e allora, da questo momento in poi, sua figlia si fingerà malata e afflitta dalla depressione.

Lisette, serva del Signor. Sganarelle e grande amica di Lucinde, appoggerà la ragazza per tutta la storia, facendo capire al padre, i veri sentimenti che prova Lucinde.

Per far capire ciò a Sganarelle ci vorrà molto tempo, poiché non vuole credere che sua figlia sia veramente innamorata, ma piuttosto pensa che ella sia malata. Così, una sera, farà chiamare tutti i medici della città per visitarla ma ognuno trarrà delle ipotesi diverse sulla malattia di Lucinde, senza mettersi d’accordo.

Alla fine arriva lo stesso Clitandre, che si fingerà medico, dicendo che l’unica soluzione per guarire sua figlia era farla sposare con l’uomo che amava.

Allora, Sganarelle sicuro che fosse una messa in scena per farla guarire ,dà il permesso a Clitandre di prendere in sposa sua figlia. Solo dopo il matrimonio si accorge troppo tardi di essere stato preso in giro e gli sposi sono finalmente felici.

Personalmente, io penso che la trama di “L’ Amour Médecin” sia molto bella ed appassionante, poiché Molière è riuscito a fondere il tema dell’ amore , con la descrizione  della società dell’ epoca, prendendo in giro quest’ultima , soprattutto i vizi e le ipocrisie di allora ma che restano anche quelle dei nostri giorni.

Il  tutto è stato interessante :la preparazione fattaci dalla prof. con l’ascolto e la spiegazione delle scene, ,l’arricchimento della lingua francese, l’uscita con i compagni di classe ,il confronto con scuole di altre province  e dulcis in fundo  la conversation con gli attori. Sbalorditivo come siamo riusciti ad interagire in lingua francese facendoci capire e capendo gli attori di madrelingua come dei veri francesi.

Un’esperienza sicuramente da ripetere!!!!

Anna Salierno di II C