Tu sei qui

Un atto di solidarietà

Un atto di solidarietà che conosco molto bene è quello di mia madre verso una vicina di casa. Lei ha dei capelli biondi, degli occhiali rotondi, di statura è alta. Si chiama Anna e ha 84 anni. Appena si sposò fu costretta ad emigrare in Svizzera in cerca di lavoro. Dapprima fece ogni tipo di lavoro e poi, siccome aveva frequentato la scuola di avviamento, diventò infermiera professionale in un famoso ospedale. Non ha figli e da 6 anni è vedova. Mamma la conosce da sempre perché sono vicine 50 anni. Anna era un’amica di scuola di mia nonna Antonietta. Da parecchi anni soffre di artrosi deformante e quindi man mano che va avanti ogni movimento diventa difficile. Ha delle signore che l’aiutano in casa. Soffre di solitudine. Mamma quasi tutti i giorni la va a trovare per farle compagnia. Anna parla della sua vita in Svizzera, delle abitudini, delle usanze, del lavoro ed è felice perché  c’è qualcuno che l’ascolta. Quando ha bisogno di fare le puntare, lei si fida solo di mamma, perciò mamma va ogni giorno a casa sua . Questo è un gesto di solidarietà : dare compagnia a chi non ce l’ha!

MAURO TARALLO classe 4^ A S. Anna

Tags: 

Aggiungi un commento

CAPTCHA
Questo è un test antispam per verificare se la registrazione viene fatta da una persona fisica a da una macchina.
4 + 15 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.