Tu sei qui

ALCOL E FUMO: SI COMINCIA SEMPRE PRIMA…

Pur essendo due elementi diversi tra loro, l’alcol e il fumo causano più o meno forti dipendenze in chi li assume. Bisognerebbe fare un discorso a parte per ciascuno anche se molto spesso li troviamo collegati tra loro. Tutti sappiamo che bere troppo fa male, eppure molto spesso accade che molti giovani oltrepassano i limiti, arrivando all’ubriachezza e talvolta addirittura a vomitare e perdere i sensi. L’alcol e il fumo sono cattive abitudini che spopolano fra i ragazzi tra i 13 e 17 anni con tendenza a iniziare sempre prima, problema da non sottovalutare e che può essere pagato sul fronte della salute. Bere e fumare sigarette sono cattive abitudini da adulti e, per questo, vengono visti dai ragazzi come segni di emancipazione o di superiorità. Fra le cause c’è la frequentazione di compagnie pericolose, il mancato rispetto delle regole da adottare quando si esce, la debolezza di un adolescente che farebbe di tutto per farsi accettare nel gruppo. Tutto questo ci porta a capire che l’alcol e il fumo arrivano troppo precocemente nella cultura dei giovani ed affascinano perché permettono di sentirsi euforici e capaci di ogni cosa. Queste possono essere solo scuse per iniziare, la verità è che smettere di fumare è difficilissimo perché la nicotina crea una dipendenza fortissima e insieme all’alcol causano danni all’organismo devastanti. Gli adolescenti italiani che fumano sono in percentuale molto di più che negli altri Paesi europei, un record di cui andare poco orgogliosi perché mostra quanto sia grande il problema. Col passare del tempo l’uso eccessivo di alcol e fumo può portare alla riduzione dei riflessi e della vivacità, alla perdita della coordinazione neuro-muscolare e successiva perdita dell’equilibrio fisico e mentale. Gli effetti possono essere molto dannosi all’organismo, ad esempio si verificano l’abbassamento delle difese immunitarie, disturbi neurologici, rischio di tumori ai polmoni, alterazioni al fegato, malattie cardiovascolari. Non ritengo giusto che i giovani debbano rinchiudersi nel mondo del fumo e dell’alcol per essere felici; ognuno di noi ha i propri problemi e le proprie esperienze negative che possono essere affrontate in modi diversi e non rifugiandosi in “effimeri paradisi”.

Chiara Lapiccirella 3°D